Cassius
Community

Fortuna, ut antiqui dicunt, caeca est. Nam magna cum incostantia divitas aut inopiam, gloria aut tenebras …

Il Nuovo Expedite 1

Pagina numero: 91

Versione numero: 13

La fortuna e i veri beni.

La sorte, come dicono gli antichi, è cieca. Infatti, con grande incostanza, distribuisce agli uomini ricchezza o miseria, gloria o tristezze, vantaggi o sventure. Pertanto le vite degli uomini sono certamente diverse, ma sempre esposte all’arbitrio della fortuna. Chi non conosce infatti l’esempio del ricco Creso, re della Lidia? Nessuna ricchezza mancava a Creso, tuttavia, dopo che fu sconfitto dai Persiani, perse sia il dominio sia la ricchezza. Non solo i re e i tiranni, ma anche molti privati cittadini, quando hanno molti beni, poichè temono i crudeli colpi della fortuna e temono di perdere le ricchezze, spesso conducono una vita infelice. Ma i veri beni sono nella nostra anima, non nelle sentenze della fortuna; di conseguenza gli uomini forniti di senno né invocano la fortuna né la temono, ma conservano gli animi sereni e tranquilli e conducono una vita felice.

Pag. 91 n. 13

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Il Nuovo Expedite 1