Cassius
Community

Versione | pag. 108 n. 42 → Gli Orazi e i Curiazi (2)

Grammatica Picta 1

Pagina numero: 108

Versione numero: 42

Gli Orazi e i Curiazi (2)

Il popolo dei Romani esultava e schiamazzava dopo la vittoria dell’Orazio: l’Orazio veniva accolto dagli amici con grande gioia e veniva accompagnato lungo le strade; alla fine l’eroe entrava a Roma con le spoglie degli avversari: per caso la sorella dell’Orazio, Orazia, era promessa in sposa ad uno dei Curiazi: dunque, quando Orazia vede sopra le spalle del fratello il mantello del promesso sposo, comincia immediatamente a piangere e a singhiozzare. In una così grande gioia generale, le lacrime della fanciulla scatenano la collera dell’Orazio: e così, con la propria spada, egli trafigge e uccide la fanciulla, mentre la apostrofa: Affrettati verso il promesso sposo: perché non hai alcun riguardo della patria, alcun riguardo dei fratelli! Il popolo biasimava l’Orazio, e lo trascinava in giudizio; tuttavia il padre dell’Orazio chiedeva clemenza, e mostrava al popolo le spoglie dei Curiazi, prove del coraggio di suo figlio. Alla fine, grazie alle parole e alle lacrime paterne, l’Orazio evita la pena.

Pag. 108 n. 42

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Grammatica Picta 1