Cassius
Community

Versione | pag. 253 n. 19 → Catilina arringa i congiurati

Il Tantucci Plus 2

Pagina numero: 253

Versione numero: 19

Catilina arringa i congiurati

Si oppongono due eserciti dei nemici, uno da Roma, il secondo dalla Gallia; il bisogno di grano e delle altre cose impedisce che si stia più a lungo in questi luoghi, anche se l’animo lo sopporta perfettamente; dovunque si vuole andare, la strada deve essere aperta per mezzo della spada. Per questa ragione vi invito ad essere di animo forte e preparato, e, quando entrerete in battaglia, ricordate che nelle vostre mani destre voi avete la ricchezza, l’onore, la gloria e inoltre la libertà e la patria. Se vinciamo, per noi tutte le cose saranno assicurate: vettovaglie in abbondanza, i municipi e le colonie saranno spalancati; se ci saremo arresi per paura, quelle medesime cose ci saranno contrarie, e né un luogo, né un alcun amico proteggerà colui che non avranno protetto le armi. Per giunta, o soldati, su di noi e su di loro non incombe la medesima necessità: noi lottiamo in difesa della patria, della libertà, della vita; per loro è superfluo combattere in difesa del potere di pochi. Per cui attaccate molto audacemente, memori dell’antico valore. Vi è stato concesso (ossia: “vi è stata data la possibilità”) di trascorrere la vecchiaia in esilio con enorme disonore; in molti, una volta perduti gli averi, avete potuto (ossia: “avete avuto la possibilità di”) attendere a Roma gli aiuti altrui: poiché quelle cose sembravano disonorevoli e intollerabili per degli uomini, avete deciso di affrontare queste circostanze. Se volete uscire dalla guerra, c’è bisogno di coraggio: nessuno, se non un vincitore, ha (mai) trasformato una guerra in una pace.

Versione tratta da: Sallustio
Pag. 253 n. 19

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Il Tantucci Plus 2