Cassius
Community

Versione | pag. 394 n. 7 → Scipione e Mummio

Codex 1

Pagina numero: 394

Versione numero: 7

Scipione e Mummio

Nel medesimo anno nel quale da Scipione venne abbattuta Cartagine, L. Mummio annientò dalle fondamenta Corinto. Ad eterna memoria di quelle imprese, Scipione venne soprannominato “Africano” e Mummio (venne soprannominato) “Acaico”. I generali ebbero abitudini diverse e diversi interessi. Scipione fu un ammiratore delle arti e di tutta la cultura: egli, infatti, superò in erudizione tutti gli altri comandanti e spesso impiegò il tempo libero a fini di studio della letteratura. Inoltre egli tenne sempre con sé, sia in tempo di pace, sia in tempo di guerra, Polibio e Panezio, uomini di grande talento, fu sempre al servizio delle arti della guerra e della pace, si applicò sempre alle armi e agli studi. Dunque egli tenne in allenamento il corpo per mezzo dei pericoli e lo spirito per mezzo delle discipline culturali. Mummio, viceversa, fu rozzo e ignaro di ogni arte. Eppure, sia Scipione, sia Mummio, furono per lo Stato non soltanto di grande utilità, ma anche di vanto.

Versione tratta da: Velleio Patercolo
Pag. 394 n. 7

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Codex 1