Cassius
Community

Versione | pag. 167 n. 16 → Un’impresa capeggiata da Pelopida (1)

Grammatica Picta 1

Pagina numero: 167

Versione numero: 16

Un’impresa capeggiata da Pelopida (1)

Mentre conduceva l’esercito ad Olinto, lo Spartano Febida marciò attraverso Tebe, e, con l’aiuto di pochi Tebani, occupò la rocca della città. I traditori in parte uccisero, in parte scacciarono in esilio i capi dell’altra delle due fazioni. Gli esuli si rifugiarono ad Atene, e si sforzavano di riconquistare la patria. Spesso le grandi imprese vengono compiute con piccole truppe: infatti, la potenza degli Spartani veniva abbattuta da dodici giovinetti, che erano guidati da Pelopida. Questi giovani partirono da Atene durante il giorno, e, alla sera, giunsero a Tebe. Poi, mentre i capi della città pranzavano insieme (era, infatti, un giorno di festa), essi si addentrarono con dei cani da caccia, in abito contadino e con delle reti, e non venivano riconosciuti da nessuno (lett.: “da nessun uomo”).

Versione tratta da: Cornelio Nepote
Pag. 167 n. 16

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Grammatica Picta 1