Cassius
Community

Dives mercator in gravem morbum inciderat. Dum aegrotus est, cotidie Iovem sic orabat: Iuppiter, magne omnipotensque deus …

Il Nuovo Expedite 1

Pagina numero: 276

Versione numero: 72

Giove punisce un astuto mercante.

Un ricco mercante era incorso in una grave malattia. Mentre era malato, pregava quotidianamente Giove in questo modo: “Oh Giove, dio grande e onnipotente, padrone di tutte le cose, padre degli dei e degli uomini, ti prego: restituiscimi la salute, perchè devo curare i miei affari. Quando sarò guarito, ti offrirò il sacrificio di molti buoi!”. Giove guarì il mercante, ma quello non mantenne la parola, poichè era oltremodo avaro, e ingannò Giove: infatti offrì al dio, al posto dei veri buoi, numerose statuette di buoi (fatte) di cera. Allora Giove, sdegnato a causa dell’inganno del mercante, punì l’uomo ingrato con un’astuzia somigliante. Inviò sulla terra Mercurio, che nel sonno disse al mercante: “Domani, sulla riva del mare, ci sarà un’opportunità di grande guadagno!”. Il mercante, attratto dalla speranza di guadagno, si alzò dal letto all’alba e si affrettò verso la riva del mare, dove lo catturarono i pirati, lo vendettero come servo e ottennero un gran guadagno. In questo modo il sacrilego mercante pagò la pena della sua astuzia.

Pag. 276 n. 72

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Il Nuovo Expedite 1