Cassius
Community

ALIAS - pag. 359 n. 203 → Apprensione per la malattia di un amico

ALIAS

Pagina numero: 359

Versione numero: 203

Apprensione per la malattia di un amico

Già da lungo tempo resto fermo a Roma, e davvero sbigottito. Mi preoccupa la lunga e pertinace cattiva salute di Tizio Aristone, che ammiro e apprezzo particolarmente. Non esiste niente, infatti, più serio, più virtuoso e più colto di lui, tanto che non un solo uomo, ma tutte le belle arti, per me, sono in enorme pericolo a causa della sua malattia. Nessuno più di lui, infatti, è esperto sia di diritto privato che di diritto pubblico. Per di più egli è piuttosto frugale e moderato nell’alimentazione.

Versione tratta da: Plinio il Giovane

Pag. 359 n. 203

→ Diu iam in urbe haereo et quidem attonitus. Perturbat me longa et pertinax valetudo …

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di latino tradotte dal libro:
ALIAS