Cassius
Community

Donum Quaderno 1 - pag. 103 n. 3 a → Creso e Solone

Donum Quaderno 1

Pagina numero: 103

Versione numero: 3 a

Creso e Solone

Creso fu il più ricco di tutti i re che anticamente avevano regnato nell’Asia. Costui una volta invitò presso di sé Solone, uno dei sette sapienti. Poi lo condusse attraverso la magnifica reggia e infine lo interrogò in questo modo: Chi mai, o Solone, è più felice di me? A qualcuno forse toccò in sorte una più grande abbondanza di mezzi? Tuttavia acquisirò una ricchezza maggiore ed amplierò i confini del mio regno. A queste parole Solone, davanti ai ministri di Creso, rispose così: Credimi, o re: la vita di tutti noi è soggetta alla Sorte. Essa, dunque, con un solo cenno del capo sovverte all’improvviso regni ed imperi. Felice è colui che non desidera le ricchezze di questa vita, e non dà nessuna fiducia alla Sorte. E infatti Creso, dopo che ebbe dichiarato guerra a Ciro, re dell’intera Persia, perse il regno e la libertà.

Pag. 103 n. 3 a

→ Ditissimus omnium regum, qui in Asia antiquitus regnaverant, Croesus fuit. Huic quondam …

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di latino tradotte dal libro:
Donum Quaderno 1