Cassius
Community

Demetrius tyrannus imperio improbo Athenas occupabat. Vulgus passim et certatim ruebat …

LL - Seconda Edizione

Pagina numero: 128

Versione numero: 10

Il tiranno Demetrio e il poeta Menandro

Il tiranno Demetrio si impossessava della città di Atene con un ingiusto dominio. Il popolo accorreva presso il tiranno da ogni parte e a gara, e gridava: Buona fortuna! Tutti baciavano la mano destra del tiranno, dalla quale venivano oppressi, ma tacitamente compiangevano la loro triste sorte. Gli ultimi avanzavano con indolenza, e tra gli ultimi c’era Menandro, illustre compositore di commedie. Demetrio non conosceva l’aspetto di Menandro, ma leggeva sempre le commedie e spesso, in pubblico, elogiava il grande talento dell’uomo. Menandro, cosparso di un unguento pregiato, vestito di magnifici indumenti, si avvicinava fiaccamente. Il tiranno vede il poeta e in maniera collerica dice: Chi mai è l’invertito che osa venire di fronte ai miei occhi? Allora i vicini rispondono: È Menandro, l’autore di commedie! Mutato d’animo Demetrio immediatamente dice: Nessun altro uomo può essere altrettanto bello!

Versione tratta da: Fedro

Pag. 128 n. 10

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di LL - Seconda Edizione