Cassius
Community

Versione | pag. 180 n. senza numero → La dea Cura e l’origine dell’uomo

Ludus in Tabula 1

Pagina numero: 180

Versione numero: senza numero

La dea Cura e l’origine dell’uomo

La dea Cura si avvicina alle sponde di un fiume impetuoso e vede del fango ricco di creta. Pensosa e inquieta prende il fango ed inizia a plasmare un essere umano. Mentre ragiona tra sé e sé sulla forma e sull’aspetto dell’essere umano, interviene Giove. A quel punto, la Cura (dice): O Giove, poiché tu sei onnipotente, conferisci all’uomo un’anima! La Cura vuole assegnare all’uomo il proprio nome, Giove però lo vieta. La Cura e Giove discutono riguardo al nome, ma la dea Terra si alza e assegna all’uomo il proprio nome, perché dentro l’uomo c’è il fango, il corpo di lei. Prendono Saturno come giudice; Saturno dichiara così: Tu, o Giove, dato che conferisci l’anima, riceverai l’anima dopo la morte; tu, o Terra, dato che conferisci il corpo, riceverai il corpo. Dato che la Cura modella l’uomo per prima, la Cura possiederà l’uomo durante la vita; ma verrà chiamato “uomo”, poiché trae origine dalla terra.

Versione tratta da: Igino
Pag. 180 n. senza numero

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Ludus in Tabula 1