Cassius
Community

Data est merces erroris mei magna ut me non solum pigeat stultitiae …

Latino ad hoc 2

Pagina numero: 197

Esercizio numero: 20

1. Mi è stata data una grande penitenza per il mio errore, affinché io non soltanto mi rammarichi della mia stupidità, ma me ne vergogni anche.

2. Quinto dice di essere pentito per aver offeso la tua sensibilità.

3. Egli si considera sventuratissimo.

4. A chi di noi si cela quanto egli abbia accresciuto la patria sia con la letteratura, che con i fatti?

5. Mi hai informato velocemente della lettera di Cesare.

6. Questa notizia aveva reso i viaggi pericolosi.

7. Questi uomini chiedevano al re truppe ausiliarie.

8. Cesare vuole sapere dal solo Lisco le cose che aveva detto nella riunione.

9. Ti chiedevo per lettera le cose che avevi promesso.

10. I nemici vogliono sapere dai prigionieri in quali luoghi si trovi Cesare.

11. Ci sono cose che vogliamo chiederti.

12. E’ necessario chiedersi se questa sia un’azione della quale sia stato necessario pentirsi.

13. Ti chiedo con urgenza, in nome della nostra amicizia, di adoperarti per questa questione della quale ti voglio informare.

14. Informami accuratissimamente.

15. Non c’è nulla che faccia parte della pratica militare (lett. che si posta nella pratica militare) che possa sfuggire alla conoscenza di Pompeo.

16. Dopo essere stato informato della tua decisione, oh Attico, ho immediato cominciato mettermi in cammino verso di te, in Apulia, con mio fratello Quinto e con i nostri figli.

17. Gli antenati misero il senato come custode dello Stato.

18. I consoli in trionfo entrarono a Roma insieme all’esercito vincitore.

Pag. 197 n. 20

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Latino ad hoc 2