Cassius
Community

Lectio Levis 1 - pag. 203 n. 28 → L’infido comportamento dei Volsci

Lectio Levis 1

Pagina numero: 203

Versione numero: 28

L’infido comportamento dei Volsci

Con la popolazione dei Volsci, durante la guerra latina, i Romani non avevano né concordia né ostilità. Tuttavia i Volsci schieravano truppe ausiliarie a vantaggio dei Latini ed erano intenzionati a dichiarare guerra al nostro popolo. Dopo la vittoria contro i Latini, i consoli condussero le legioni nel territorio volsco. I Volsci, poiché non temevano un’incursione dei Romani nel proprio territorio, furono sbigottiti dal repentino arrivo dei nemici e non impugnarono le armi; offrirono invece come ostaggi trecento figli di maggiorenti. Pertanto il territorio dei Volsci non fu devastato, le legioni romane furono portate via da lì senza uno scontro. Non molto tempo dopo, però, quando i Volsci furono sollevati dal timore, preparavano nuovamente una segreta guerra, e prendevano con sé gli Ernici in alleanza d’armi. Inviarono anche ambasciatori, ovunque nelle città del Lazio: chiesero rinforzi per la guerra contro i Romani, ma i Latini, memori della recente disfatta, con ira e con indignazione rifiutarono l’alleanza. Dappertutto gli ambasciatori dei Volsci furono scacciati tra minacce e schiamazzi.

Versione tratta da: Livio

Pag. 203 n. 28

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di latino tradotte dal libro:
Lectio Levis 1