Cassius
Community

Versione | pag. 160 n. 6 → Due tragediografi a colloquio

Il Tantucci Plus 2

Pagina numero: 160

Versione numero: 6

Due tragediografi a colloquio

Dopo che Pacuvio, di età ormai avanzata e afflitto da una duratura malattia del corpo, si fu ritirato a Taranto dalla città di Roma, Accio, all’epoca molto più giovane, mentre partiva per l’Asia, dopo che fu arrivato in (quella) città, si recò da Pacuvio, e, dopo essere stato cordialmente invitato ed essere stato trattenuto per un po’ di giorni da lui, lesse, a quello che lo desiderava (ossia: “a Pacuvio”), la propria tragedia che ha nome “Atreo”. Dicono che a quel punto Pacuvio disse che le cose che quello (→ “Accio”) aveva scritto erano indubbiamente sonore e importanti, ma che esse, tuttavia, a lui sembravano piuttosto crude e acerbe. È così come tu dici – disse Accio – e non me ne rammarico assolutamente; infatti spero che le cose che scriverò d’ora in avanti, saranno migliori. Infatti dicono che quel che si verifica nei frutti, si verifica nello stesso modo negli ingegni: quelli che nascono duri e acerbi poi diventano morbidi e piacevoli; mentre quelli che nascono da subito avvizziti e molli e che sono sugosi sin dal principio, presto diventano non maturi, ma marci. È sembrato opportuno, dunque, far rimanere nell’ingegno qualcosa che i giorni e l’età facciano diventare maturo.

Versione tratta da: Aulo Gellio
Pag. 160 n. 6

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Il Tantucci Plus 2

Il nostro sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Questa operazione non può avvenire se non col tuo consenso, perciò è necessario che tu impieghi qualche attimo del tuo tempo per prendere visione della nostra Cookie Policy e dirci se ne accetti le condizioni. → Leggi la Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi