Cassius
Community

Tu Quoque - pag. 363 n. 7 → Tito Manlio Torquato

Tu Quoque

Pagina numero: 363

Versione numero: 7

Tito Manlio Torquato

Dopo che i Galli ebbero posizionato l’accampamento al di là del fiume Aniene, l’esercito Romano uscì da Roma. Poiché nel mezzo c’era un ponte, e un certo Gallo molto bellicoso era avanzato sicuro sul ponte vuoto, tutti i Romani si trovavano in grande agitazione. Dopo che il Gallo, a voce alta, ebbe gridato: Venga al combattimento il più forte tra i Romani!, Tito Manlio si voltò verso il generale, esclamando: Desidero mostrare a codesta belva il valore romano!. E a costui il generale: Vai avanti, o Manlio – rispose – e difendi il buon nome romano! Il Gallo scioccamente lo attendeva allegro, poiché disprezzava la sua bassa statura. Quindi, dopo che ambedue si furono posizionati tra i due schieramenti, il Gallo scagliò contro Manlio un’enorme spada. Ma il Romano, rapidissimo, si scagliò contro l’avversario e con un paio di colpi gli trapassò l’addome. Mentre il Gallo stava disteso esanime, Manlio gli sottrasse una collana, e con essa adornò il proprio collo: per questa ragione egli fu soprannominato da tutti Manlio “Torquato”.

Pag. 363 n. 7

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di latino tradotte dal libro:
Tu Quoque