Cassius
Community

Crotonienses bellum Locrensibus intulerunt. Quo metu territi Locrenses ad Spartanos decurrunt et auxilium supplices deprecantur …

Il Nuovo Expedite 2

Pagina numero: 131

Versione numero: 183

Gli dèi aiutano chi è dalla parte del giusto o chi offre di più?

I Crotoniati mossero guerra ai Locresi. Spaventati da questo pericolo i Locresi corrono dagli Spartani e, supplichevoli, implorano aiuto. Quelli, oberati da una duratura campagna militare, ordinano loro di chiedere aiuto a Castore e Polluce. Gli ambasciatori non disdegnarono la risposta della città alleata e, partiti per il tempio più vicino e compiuto un sacrificio, implorano l’aiuto degli dei. Dopo aver sacrificato le vittime, e ottenuto, come credevano, ciò che volevano, partirono con i presagi favorevoli, non meno lieti che se fossero stati in procinto di portare con sé gli dei in persona. Dopo aver saputo queste cose, anche i Crotoniati mandano degli ambasciatori all’oracolo a Delfi, chiedendo la vittoria ed esiti di guerra positivi. Dal dio fu risposto che i nemici sarebbero stati vinti da loro prima con le offerte che con le armi. Dopo che ebbero offerto ad Apollo la decima parte del bottino, i Locresi, poiché erano venuti a sapere sia del voto dei nemici sia del responso del dio, offrirono la nona parte e tennero nascosta quella cosa, per non essere sconfitti con i voti. Quindi, dopo che furono scesi in campo, e che i Crotoniati ebbero schierato centoventimila uomini armati, i Locresi, vedendo la scarsezza dei loro (infatti avevano solo quindicimila soldati) perdono ogni speranza di vittoria, ma, dalla disperazione, un ardore così grande invase ciascun soldato, che si considerarono vincitori se anche fossero solo morti non invendicati. Ma mentre cercavano di morire onorevolmente, vinsero felicemente grazie all’aiuto degli dei: raccontano infatti che un’aquila non si allontanò mai dallo schieramento dei Locresi fino alla vittoria e che due giovani di notevole grandezza e dall’equipaggiamento diverso da tutti gli altri furono visti combattere insieme ai cavalieri Locresi.

Versione tratta da: Giustino

Pag. 131 n. 183

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Il Nuovo Expedite 2