Cassius
Community

Esercizio | pag. 138 n. 10 →

Grammatica Picta 1

Pagina numero: 138

Esercizio numero: 10

1. Il corvo, su di un alto albero, mangiava il formaggio.
2. La bellezza, il lignaggio e la ricchezza non sono virtù dell’animo, ma doni della sorte.
3. Combatteremo valorosamente, o miei commilitoni, e scacceremo i Cartaginesi dalla nostra città.
4. Lodiamo e loderemo non la buona sorte, ma il valore dei grandi comandanti.
5. L’autorità dei genitori talvolta limita la libertà dei fanciulli.
6. Di sera i pastori si riposano, e si interrompe il duro lavoro degli aratori e dei mietitori.
7. Tarquinio il Superbo dichiara guerra al popolo Romano, i consoli, con le truppe, attaccano rapidamente il tiranno, e alla fine i Romani escono vittoriosi dal combattimento.
8. Un uomo povero, mentre di sera ritornava alla capanna stanco per la lunga fatica, con voce abbattuta biasimava la propria sventura.
9. Mentre si trovava in esilio, Cicerone scriveva molte lettere al suo amico Attico, poiché l’amico era in grado di lenire il grande dolore dell’oratore.
10. Il re Numa Pompilio di notte si recava in un bosco sacro, e consultava la ninfa Egeria riguardo al benessere della patria.
11. Il valore dei soldati e la concordia dei cittadini saranno un saldo baluardo della nostra città.
12. Le oche capitoline erano sacre a Giunone, la regina degli abitanti del cielo.

Pag. 138 n. 10

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Grammatica Picta 1