Cassius
Community

Versione | pag. 373 n. 5 → L’origine mitica dell’agricoltura

Codex 1

Pagina numero: 373

Versione numero: 5

L’origine mitica dell’agricoltura

La dea Cerere si recò presso il re Eleusino in aspetto da mortale: la moglie di lui, Cotonea, aveva messo al mondo il fanciullo Trittolemo, e Cerere si finse una nutrice; di buon grado la regina accolse costei come nutrice per il proprio figlio. La dea rende immortale il suo accudito in questa maniera: durante il giorno ella nutriva Trittolemo con latte divino, durante la notte, di nascosto, infilava lo stesso nel fuoco; in questo modo, questo fanciullo cresceva più di quanto fossero soliti (crescere) i mortali. Poiché i genitori desideravano comprendere ciò, essi osservarono quella nutrice: quando il fanciullo venne gettato da Cerere nel fuoco, il padre si spaventò: a quel punto, quella, infuriata, uccise Eleusino. Ma a Trittolemo, il suo accudito, ella concesse un beneficio eterno: infatti gli diede dei semi, un aratro di legno e un carro legato a dei serpenti; viaggiando con questo carro, egli seminò il mondo di messi e insegnò l’agricoltura agli esseri umani.

Versione tratta da: Igino
Pag. 373 n. 5

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Codex 1