Cassius
Community

Lectio Levis 1 - pag. 175 n. 17 → I falsi testimoni

Lectio Levis 1

Pagina numero: 175

Versione numero: 17

I falsi testimoni

Un cane calunniatore diceva ad una capretta: “Ieri ti davo del pane a prestito, oggi restituiscimelo, come promettevi”. Discutevano a lungo, la capretta di contro affermava: “Non restituirò il pane, poiché mai, o cane, ricevevo del pane da te”. Quando si recano davanti ai giudici, il cane proclama: “Ho validi testimoni della verità”. Per primo, è fatto entrare un leone: “Senza alcun dubbio – dice – il pane era dato in prestito dal cane alla capretta”. Era quindi fatto entrare un nibbio, e dichiarava: “Davanti ai miei occhi, ieri, la capretta riceveva il pane a prestito e così prometteva al cane: ‘Domani restituirò due pagnotte’”. Per terzo, uno sparviero rafforza la convinzione dei giudici con parole decise: “Ieri, o capretta menzognera, mentre prendevi il pane, ero posato su di un alto albero, e udivo le tue false promesse. Perché oggi neghi?”. La capretta è vinta dai finti testimoni ed è condannata, né suscita alcuna indulgenza o commiserazione negli animi dei giudici. In tal modo le coalizioni tra i disonesti simulano false verità.

Pag. 175 n. 17

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di latino tradotte dal libro:
Lectio Levis 1