Cassius
Community

Caesar vallum ducit ne eruptionem hostes temptent. Xerxes navibus pontem fecit, ut Persarum copiae …

La Lingua delle Radici 1

Pagina numero: 161

Esercizio numero: 27 a

1. Cesare traccia una trincea, affinché i nemici non tentino una sortita.

2. Serse fece un ponte con le navi, affinché le truppe dei Persiani fossero trasferite al di là dell’Ellesponto.

3. Annibale trattenne i suoi uomini per non accrescere il tumulto e l’agitazione.

4. Molti vengono dai filosofi per ascoltare, non per imparare.

5. Giunsero dal console numerosi ambasciatori, per ottenere una tregua.

6. I Galli hanno uno spirito vivace e vigile, ma una mente debole e nient’affatto resistente agli imprevisti.

7. Codro si offrì alla morte per salvare la patria.

8. I Romani inviano gli ambasciatori dagli alleati perché restino in rapporto di amicizia col popolo Romano.

9. Il corvo sottrasse il pezzo di formaggio dalla finestra, e si fermò sul ramo di un alto albero, per mangiare tranquillamente il suo bottino.

10. Enea, figlio di Anchise e Venere, fuggendo da Troia come un esule per cercare una nuova patria, alla fine attraccò la nave alle rive del Tevere.

11. Gli Elvezii mandarono gli ambasciatori dall’Eduo Dummorige, allo scopo di ottenere dai Sequani, con l’aiuto di Dummorige, la strada per il viaggio.

12. Che il discorso dell’oratore sia breve e chiaro, per non essere fastidioso per coloro che ascoltano.

13. Il popolo Romano intero reclamò Cn. Pompeo come unico comandante supremo per la guerra comune di tutti i popoli.

14. Cesare aveva mandato missive e messaggi ai Lingoni, affinché non aiutassero gli Elvezii con il grano.

Pag. 161 n. 27 a

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di La Lingua delle Radici 1