Cassius
Community

Esercizio | pag. 19 n. 12 a →

Lingua e Cultura Latina 2 Edizione Gialla

Pagina numero: 19

Esercizio numero: 12 a

1. Cesare, al fine di non cadere nell’agguato dei nemici, mandò avanti i cavalieri affinché esplorassero le zone.
2. Il comandante dei Romani, dopo che fu entrato nel territorio dei Sabini, tenne a freno i suoi soldati, intenzionati a saccheggiare i campi.
3. Nella Prima guerra Punica i consoli, sul punto di ritornare dall’Africa a Roma con la flotta vincitrice, fecero naufragio presso la Sicilia.
4. Gli ambasciatori, dopo aver trascorso la giornata in un banchetto solenne, prima di sera si imbarcarono su una nave, per dirigersi in Tessaglia.
5. I Galli, quando stavano per intraprendere una guerra, offrivano la decima parte del bottino agli dèi immortali.
6. I Galli Senoni si avvicinarono a Chiusi con una cospicua massa (di uomini), intenzionati ad attaccare l’accampamento dei Romani.
7. Enea, in procinto di partire da Troia insieme al padre e al figlio, rivolse per l’ultima volta gli occhi verso la patria.
8. Alle Idi di Marzo, la moglie di Cesare, poiché aveva assistito ad un sogno nefasto, avvertì del pericolo incombente il marito che stava per uscire da casa.
9. Un portento predisse la disfatta a Pompeo mentre era in procinto di ingaggiare la battaglia contro Cesare presso Filippi.
10. T. Manlio, il figlio del console Manlio, dopo essere stato inviato ad esplorare la zona, si avvicinò eccessivamente all’accampamento dei nemici, e venne avvistato dal comandante di quelli.