Cassius
Community

Versione | pag. 506 n. 165 → Cesare fa giustiziare Gutuatro

Mirum Iter 1

Pagina numero: 506

Versione numero: 165

Cesare fa giustiziare Gutuatro

Nel frattempo Cesare lascia nel territorio del Bellovaci il questore M. Antonio insieme a quindici coorti. Egli si reca di persona presso le rimanenti popolazioni, ordina numerosi ostaggi, tranquillizza gli animi di tutti con un conforto (ossia: “con parole di conforto”). Dopo essere giunto nel territorio dei Carnuti, nella popolazione dei quali, Cesare ha spiegato in un taccuino precedente che aveva avuto inizio il principio della guerra, poiché egli si rendeva conto che essi avevano paura per via della consapevolezza di ciò che avevano fatto, al fine di liberare rapidamente la popolazione dalla paura, pretende Gutuatro, il principale responsabile di quella scelleratezza e il promotore della guerra, per l’esecuzione capitale. E benché costui non si consegnasse neppure ai suoi concittadini, ciononostante viene rapidamente condotto all’accampamento. Cesare viene costretto all’esecuzione di quello, contro la propria indole, dall’enorme assembramento di soldati che imputavano a Gutuatro tutti i pericoli e le perdite della guerra, al punto che, uccisolo a frustate, il cadavere veniva colpito con la scure.

Versione tratta da: Cesare
Pag. 506 n. 165

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Mirum Iter 1