Cassius
Community

Mirum Iter 1 - pag. 466 n. 145 → Un patrono generoso

Mirum Iter 1

Pagina numero: 466

Versione numero: 145

Un patrono generoso

C. Plinio saluta il suo Paterno. È successo che le malattie e anche le morti dei miei liberti, per di più giovani, mi abbiano portato allo stremo. Ho due conforti, nient’affatto pari ad un dolore tanto grande, e tuttavia dei conforti: uno, la mia propensione all’affrancamento – ritengo, infatti, di non averli perduti del tutto anzitempo, perché li ho perduti già liberi – il secondo conforto è che permetto anche agli schiavi di fare, per così dire, dei testamenti, e li custodisco come legalmente validi. Ne consegue che essi indicano ciò che desiderano; obbedisco di persona – lo confesserò a chiare lettere – come se avessi ricevuto degli ordini. Essi dividono, donano, lasciano (in eredità), soltanto all’interno della casa; infatti è tradizione che per gli schiavi la casa sia all’incirca uno stato e, per così dire, una città. Ma, sebbene io abbia pace grazie a questi conforti, vengo stremato e logorato da quella medesima sensibilità che mi ha spinto a permettere questa stessa cosa. E non ignoro che gli altri, disgrazie di questo genere le definiscono nulla più che un danno, e per giunta si considerano grand’uomini e saggi. Forse tu ritieni che costoro siano grand’uomini e saggi? Non lo so; uomini non sono. Caratteristico dell’uomo, infatti, è essere colpito dal dolore, sentire, resistere tuttavia, ed accettare i conforti, e non il non aver bisogno di conforti. Stammi bene.

Versione tratta da: Plinio il Giovane

Pag. 466 n. 145

→ C. Plinius Paterno suo salutem dicit. Accidit ut confecerint me infirmitates meorum libertorum …

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di latino tradotte dal libro:
Mirum Iter 1