Cassius
Community

Brennus, Gallorum dux, postquam cum suo barbarorum grege Alpes transierat, in Italiam …

Il Nuovo Expedite 1

Pagina numero: 275

Versione numero: 71

Le oche salvano Roma.

Brenno, comandante dei Galli, dopo che con la sua orda di barbari aveva oltrepassato le alpi, scese in Italia e si diresse verso Roma. Le truppe dei Galli, quando attraversavano le città e i villaggi, sterminavano gli abitanti e mettevano tutte le cose a ferro e fuoco. Allora gli abitanti delle città Italiche, terrorizzati, chiesero l’aiuto dei Romani, i quali inviarono contro Brenno i fratelli Fabi, tribuni, con due legioni. Ma i Galli, presso il fiume Allia sbaragliarono l’esercito dei Romani e assediarono Roma. Allora i Romani abbandonarono la città e con gli anziani, le mogli e i figli si rifugiarono a Veio. Pertanto i Barbari entrarono nella città senza alcun pericolo e giunsero sotto le mura del Campidoglio. I Galli erano ormai già saliti in silenzio e furtivamente sulle mura della rocca, quando all’improvviso le oche, che venivano allevate nel tempio di Giunone, con le loro grida, svegliarono dal sonno il custode della fortezza, Marco Manlio. Allora Manlio impugnò le armi e chiamò in aiuto i soldati Romani: dopo una cruenta battaglia i Galli furono sconfitti dai Romani e furono scacciati dal Campidoglio. E così Roma fu salvata dagli strilli delle oche.

Pag. 275 n. 71

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Il Nuovo Expedite 1