Cassius
Community

Esercizio | pag. 346 n. 10 →

Lingua e Cultura Latina 1 Edizione Gialla

Pagina numero: 346

Esercizio numero: 10

1. Nuoce agli uomini giusti colui che difende gli uomini malvagi.
2. L’amicizia giova sempre, l’amore nuoce anche.
3. Né una città può essere felice nella rivolta, né una casa (può essere felice) nella discordia dei padroni.
4. A quel punto Cesare, poiché, una volta pacificata la Gallia, rimanevano in armi i Morini e i Menapi, guidò lì l’esercito.
5. C. Cesare Caligola non partecipò al funerale di sua sorella.
6. Cesare manda immediatamente un messaggero nel territorio dei Bellovaci, al questore M. Crasso, i cui quartieri invernali erano distanti venticinque miglia.
7. Aristide partecipò alla battaglia navale presso Salamina, e fu pretore degli Ateniesi presso Platea, nella battaglia nella quale venne ucciso Mardonio e l’esercito dei barbari venne massacrato.
8. Indubbiamente è triste essere lontani dalla patria.
9. Amilcare, dove fu presente, non si arrese mai al nemico, e spesso, al contrario, lo sfidò.
10. Dummorige, per via del prestigio e della generosità, aveva moltissima influenza tra i Sequani, ed era amico degli Elvezi.
11. L’araldo aveva passato in rassegna tutti i popoli che erano stati sotto la protezione del re Filippo.
12. Amilcare, figlio di Annibale, Cartaginese, nella Prima Guerra Punica, non più di un giovinetto, iniziò ad stare a capo dell’esercito in Sicilia.

Pag. 346 n. 10

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Lingua e Cultura Latina 1 Edizione Gialla