Cassius
Community

Esercizio | pag. 285 n. 11 →

Il Nuovo Latino a Colori 1

Pagina numero: 285

Esercizio numero: 11

1. I barbari arrivano al fiume Loira e, fermatisi qui per breve tempo e non osando oltrepassare il fiume, fanno ritorno in patria.
2. I pretori si spartirono le province a sorte: P. Cornelio Silla (ottenne) la pretura urbana e peregrina, Cn. Fulvio Flacco l’Apulia, C. Claudio Nerone Suessola, M. Giunio Silano la Tuscia.
3. I Cimbri, passati in Spagna attraverso un valico e devastate lì numerose località, furono respinti dai Celtiberi.
4. Tutti i nemici si diedero alla fuga, e arrivarono al fiume Reno. Là, pochissimi provarono ad oltrepassarlo a nuoto, contando sulle proprie forze.
5. Claudio giocò appassionatamente ai dadi, sull’arte dei quali pubblicò anche un’opera, essendo olito giocare anche durante la passeggiata sul carro.
6. Cesare viene a sapere della morte di Pompeo ad Alessandria, e mentre sbarcava in questo luogo sente per la prima volta il chiasso dei soldati, che il re aveva lasciato nella città per la difesa.
7. Augusto, cresciuto tra magnifiche ricchezze, sia ottenne con facilità, sia amministrò in maniera eccellente le cariche pubbliche. Dopo la pretura, ricevuta in sorteggio la Macedonia, nel corso del viaggio eliminò i fuggiaschi, la residua banda di Spartaco e di Catilina.
8. I soldati della flotta, spintisi tranquillamente in alto mare, mettevano alla prova l’agilità delle navi per mezzo di finte battaglie navali (lett.: “per mezzo di simulazioni di battaglia navale”).
9. M. Popilio, ex console, ed altri giovani di uguale grado, seguirono il console nelle legioni di Macedonia in qualità di tribuni dei soldati.
10. Il re, cambiando sovente i cavalli, inseguiva senza tregua coloro che fuggivano.
11. Cesare, seguendo la retrovia, si allontanò celermente dalla vista dell’accampamento.
12. I soldati, incorsi in un vento favorevole, salpano e passano al largo di Apollonia e di Durazzo.
13. Fermatosi a Cordoba per due giorni, Cesare parte alla volta di Cadice.
14. Il comandante di cavalleria dei Peoni infilzò con la lancia il comandante di cavalleria dei Persiani e, seguendolo che fuggiva tra i nemici, lo fece cadere da cavallo e gli tagliò la testa con la spada.

Pag. 285 n. 11

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Il Nuovo Latino a Colori 1