Cassius
Community

In Aulidem cum Graecorum navibus exercituque convenit Mycenarum rex …

LL - Seconda Edizione

Pagina numero: 193

Versione numero: 17

Il sacrificio di Ifigenia

Agamennone, il re di Micene, comandante della spedizione contro Troia, si riunì nell’Aulide con le navi e con l’esercito dei Greci. Un mare tranquillo tratteneva le navi nel porto di fronte alle coste dell’Aulide, poiché, una volta, Agamennone uccise una cerva sacra ad Artemide; perciò la dea, adirata con il re, allontanava i soffi dei venti, ed impediva ai Greci la partenza. A quel punto, su consiglio dell’indovino Calcante, i Greci organizzarono il sacrificio di Ifigenia, la figlia del re. Con la finzione di un matrimonio, dalla città di Micene la fecero venire nell’accampamento dell’Aulide, e la misero sull’altare. Ormai il sacerdote cominciava a compiere il sacrificio, ma Artemide trattenne la mano di lui: la dea inviò (ossia: “fece scendere”) una nube, e, al posto di Ifigenia, mise una cerva. I Greci, alla fine, poterono lasciare il porto, e, senza indugio, grazie ai venti favorevoli, si diressero in Asia.

Pag. 193 n. 17

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di LL - Seconda Edizione