Cassius
Community

Versione | pag. 124 n. 23 → Le rane chiedono un re (1)

Grammatica Picta 1

Pagina numero: 124

Versione numero: 23

Le rane chiedono un re (1)

Un tempo ad Atene vigevano leggi giuste, ma, all’improvviso, il tiranno Pisistrato si impossessava della città: gli Attici si addoloravano, non per il malvagio tiranno, ma perché non erano abituati alla schiavitù, e si lamentavano. A quel punto Esopo raccontava una breve favola. Le rane si aggiravano libere in uno specchio d’acqua e chiedevano a Giove un re, poiché desideravano mettere un freno alla vita dissoluta. Il dio sorrideva e gettava alle rane un piccolo travicello (ossia: “un bastoncino”): questo, con il suo rumore, spaventava le bestiole timorose. Poiché il travicello giaceva per lungo tempo immobile nel fango, per caso una rana, in silenzio, sollevava gli occhi dallo stagno ed esaminava il pezzo di legno.

Pag. 124 n. 23

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Grammatica Picta 1