Cassius
Community

Amicitia semper prodest, amor aliquando nocet. Adeste, cives, adeste commilitones …

La Lingua delle Radici 1

Pagina numero: 251

Esercizio numero: 20

1. L’amicizia giova sempre, l’amore di tanto in tanto nuoce.

2. Avvicinatevi, oh concittadini, avvicinatevi, oh commilitoni.

3. I fanciulli e le fanciulle assistevano ai sacrifici davanti all’altare.

4. Quando sarò a capo dell’esercito condurrò la guerra.

5. Il maestro dice che allo scolaro pigro manca la diligenza.

6. Nei versi di Catullo c’era molta eleganza.

7. In Britannia non c’è rigidità del freddo.

8. Poiché la battaglia era stata violenta, pochi soldati sopravvissero.

9. Stava a capo della flotta Cn. Pompeo, che liberò il Mediterraneo dai predoni di mare.

10. Il cittadino perbene sta sempre alla larga dai litigi tra i cittadini e non viene mai meno al (suo) dovere.

11. La temperanza può essere correttamente chiamata frugalità.

12. E’ triste stare lontani da casa.

Pag. 251 n. 20

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di La Lingua delle Radici 1