Cassius
Community

Lingua e Cultura Latina 1 Edizione Gialla - pag. 376 n. 6 →

Lingua e Cultura Latina 1 Edizione Gialla

Pagina numero: 376

Esercizio numero: 6

1. Gli altri popoli possono sopportare la schiavitù, i Romani non possono.
2. Tutte le popolazioni parleranno di me, nessuna epoca resterà mai in silenzio.
3. Il popolo Romano ha sopportato per lungo tempo l’arroganza del re Tarquinio.
4. Il nemico era apparso prima dell’ora quarta: a quel punto, nell’accampamento Romano, sorge improvvisamente un notevole tumulto.
5. Pompeo, anche se gli altri dissentivano, inseguì il nemico.
6. Mi ricordo e non mi dimenticherò mai di quella notte.
7. Il re Dario condusse le truppe nella Cilicia: secondo la tradizione della patria lo accompagnavano la moglie e la madre, ed anche le figlie con un figlio piccolo.
8. I veterani non seguivano l’autorità del senato, né la libertà del popolo, volevano vendicare la morte di Cesare, che tutti consideravano inevitabile.
9. Tutti i cattivi esempi hanno avuto origine da cose buone.
10. Induziomaro, pressappoco ogni giorno, si aggirava con tutta la cavalleria sotto l’accampamento di Labieno.
11. Imita me, che hai sempre elogiato.
12. Morire in difesa della patria è una cosa dolce e rispettabile.
13. Va’ via da Roma, o Catilina, libera lo Stato dalla paura, parti per l’esilio!
14. Gli schiavi temevano Appio Claudio, i figli lo rispettavano, tutti lo avevano caro: in quella casa vigeva la tradizione patria.

Pag. 376 n. 6

→ Aliae nationes servitutem pati possunt, Romani non possunt. De me omnes gentes loquentur …

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di latino tradotte dal libro:
Lingua e Cultura Latina 1 Edizione Gialla