Cassius
Community

Versione | pag. 309 n. 7 → De Alexandro Magno et pirata

Codex 1

Pagina numero: 309

Versione numero: 7

De Alexandro Magno et pirata

La grandezza d’animo di Alessandro Magno è nota a tutti. Un giorno il re aveva catturato un feroce pirata: in merito alle imprese dell’uomo si raccontavano molte storie spaventose. Alessandro interrogò il prigioniero: Con quale diritto tu infesti tutti i mari, procuri grandi danni a tutti i marinai, e rubi le statue e gli ornamenti preziosi dei templi? Ma il pirata, con straordinaria sfrontatezza, rispose al re: Infesto i mari con il medesimo diritto con il quale tu infesti il mondo. Ma, dato che lo faccio con una piccola imbarcazione, vengo chiamato da tutti “predone”, invece tu, che fai la medesima cosa con una grande flotta e con un cospicuo esercito di soldati, vieni chiamato da tutti “grande generale”: per questo motivo, se sarò stato condannato dalla tua giustizia, tu stesso sarai condannato! La spiritosa sfrontatezza dell’uomo venne elogiata da Alessandro: il re lasciò andar via libero il pirata, e così, a giudizio di tutti, dimostrò di nuovo e davvero la sua grandezza d’animo.

Pag. 309 n. 7

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Codex 1