Cassius
Community

Agamemnon omnes principes Graeciae ad bellum contra Troianos Aulidem, in portum Boeotiae convocavit …

Il Nuovo Expedite 1

Pagina numero: 251

Versione numero: 66

Inutili astuzie di Ulisse e di Achille.

Agamennone convocò in Aulide, in un porto della Beozia, tutti i capi della Grecia per la guerra contro i Troiani. Tutti i comandanti giunsero da ogni dove, ma Ulisse e Achille furono assenti. Ulisse infatti non voleva prendere parte alla guerra Troiana, poiché un oracolo gli aveva preannunciato: “Se andrai a Troia tornerai in patria dopo molte e lunghe peregrinazioni per terra e per mare”. Agamennone, che era a capo dell’esercito, inviò ad Ulisse degli ambasciatori insieme a Palamede, uomo astuto. All’arrivo degli ambasciatori Ulisse mise in scena un offuscamento della ragione: così se ne andò nei capi e cominciò a spargere sale nei solchi al posto dei semi. Ma il tranello non giovò al re di Itaca: infatti Palamede, mise davanti all’aratro Telemaco, il figlio piccolo di Ulisse, e immediatamente il padre, poiché non voleva far del male al figlio, deviò l’aratro. Così il tranello fu scoperto: Ulisse partecipò alla guerra e giovò parecchio ai Greci, sia con il valore che con l’astuzia. La madre, che conosceva il destino del figlio, rivestì Achille con una veste femminile, e lo nascose tra le figlie del re Licomede, re dell’isola di Sciro. Proprio Ulisse con l’inganno svelò l’animo maschile di Achille, che perse la vita sotto le mura di Troia.

Pag. 251 n. 66

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Il Nuovo Expedite 1