Cassius
Community

A Graecis et Romanis Neptunus, Saturni filius, aquarum deus putatur. Neptunus enim non solum pelagi …

Il Nuovo Expedite 1

Pagina numero: 118

Versione numero: 23

Nettuno, dio delle acque.

Nettuno, figlio di Saturno, è considerato dai Greci e dai Romani dio delle acque. Nettuno infatti non solo possiede il dominio del mare, ma anche dei fiumi e dei ruscelli. Abita nell’Olimpo con gli altri dei, ma spesso scende dall’Olimpo verso l’Oceano: infatti ha una splendida dimora nell’oceano presso l’isola di Eubea e lì, con le ninfe marine siede sul trono d’orato e regge il tridente, simbolo del suo potere. Quando le onde del mare vengono agitate con impeto dai venti, i marinai invocano Nettuno. Il dio ascolta i devoti marinai e deciso offre aiuto: infatti immediatamente accorre con i cavalli marini attraverso le onde, respinge i venti con il tridente, placa la tempesta e il mare ritorna tranquillo, per questo Nettuno è particolarmente adorato dagli abitanti delle città costiere e delle isole. E’ famosa la contesa di Nettuno e Minerva su Atene e per la protezione di tutta l’Attica. Poichè Nettuno e Minerva vogliono essere adorati ad Atene e in modo particolare in Attica, decidono di offrire preziosi doni agli abitanti: il dio dona un cavallo, la dea un ulivo. Il cavallo, dono di Nettuno è caro agli Ateniesi, ma l’ulivo dono di Atena, è considerato indispensabile per l’esistenza: così Minerva sconfigge Nettuno e ottiene la riconoscenza degli abitanti. Tuttavia gli abitanti dell’Attica venerano con cura anche Nettuno come un dio buono e generoso.

Pag. 118 n. 23

→ Tutti gli esercizi di frasi e le versioni di Il Nuovo Expedite 1